Condilomi acuminati

[vc_row row_type=”0″ row_id=”” blox_height=”” video_fullscreen=”true” blox_image=”” blox_bg_attachment=”false” blox_cover=”true” blox_repeat=”no-repeat” align_center=”” page_title=”” blox_padding_top=”” blox_padding_bottom=”” blox_dark=”false” blox_class=”” blox_bgcolor=”” parallax_speed=”6″ process_count=”3″ video_url=”” video_type=”video/youtube” video_pattern=”true” row_pattern=”” row_color=”” maxslider_image1=”” maxslider_image2=”” maxslider_image3=”” maxslider_image4=”” maxslider_image5=”” maxslider_parallax=”true” maxslider_pattern=”true”][vc_column width=”1/1″][vc_column_text]

CHE COSA SONO

Possono essere definiti come verruche anali, creste di gallo; sono dovuti ad un’iperplasia epiteliale causata da virus (Papova virus).
Inizialmente si presentano come piccole macchie rosate, tipo capocchia di spillo, isolate o confluenti, evidenti al tatto, asintomatiche. Successivamente si trasformano anche con una certa velocità diventando neoformazioni rosa biancastre fungiformi e/o a grappolo (dette anche creste di gallo).

SEDE E MODALITA’ DI TRASMISSIONE

Si sviluppano nell’ano,retto (mai oltre terzo inferiore), vagina, pene. La principale causa di trasmissione del virus avviene per via sessuale sia diretto che indiretto, in una piccola percentuale dei casi può manifestarsi senza alcun rapporto sessuale. Gli omosessuali sono la categoria più colpita e quasi nell’80% dei pazienti con Aids conclamato.

TRATTAMENTI

Vista la velocità di propagazione e l’impossibile guarigione spontanea, si consiglia l’asportazione anche in presenza di minime lesioni. L’applicazione di sostanze locali (Podofillina) spesso è di scarso risultato. L’intervento principe è sicuramente l’asportazione con laser o elettrobisturi che sarà eseguito in anestesia locale.

RECIDIVE

La recidiva è sempre possibile sia per autoinoculazione, ma soprattutto per reinfezione.

TRASFORMAZIONI

Sono riportati rari casi in letteratura di trasformazione maligna dei condilomi in carcinoma squamoso dell’ano, ma solo in seguito ad una prolungata permanenza in loco.

CONTROLLO E PREVENZIONE

È sempre opportuno valutare oltre al pz. colpito il partner per un eventuale terapia combinata necessaria per evitare spiacevoli recidive.
Importante nel periodo post operatorio sarà quello di un controllo periodico ed accurato non solo della parte operata ma di tutta la zona anogenitale, avendo rapporti sessuali protetti.[/vc_column_text][vc_row_inner][vc_column_inner el_class=”” width=”1/3″][ultimate_modal icon_type=”none” modal_title=”Foto intervento” modal_contain=”ult-html” modal_on=”button” onload_delay=”2″ btn_size=”lg” btn_bg_color=”#325b7b” btn_txt_color=”#ffffff” modal_on_align=”center” btn_text=”Foto intervento” txt_color=”#f60f60″ modal_size=”small” modal_style=”overlay-cornerbottomleft” overlay_bg_color=”#333333″ header_text_color=”#333333″ modal_border_width=”2″ modal_border_color=”#333333″ modal_border_radius=”0″][vc_gallery type=”image_grid” interval=”3″ images=”70,69″ onclick=”link_image” custom_links_target=”_self”]

[/ultimate_modal][/vc_column_inner][vc_column_inner el_class=”” width=”1/3″]
[/vc_column_inner][vc_column_inner el_class=”” width=”1/3″]
[/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]